Archivio news

Risultato della ricerca

Libri - Marco Bussagli

24/06/2011

Libri - Marco Bussagli

Se i giornali, per esempio

11/05/2011

La stampa periodica italiana sta attraversando una stagione molto difficile, resa ancora più aspra dai pesanti tagli governativi dell'ultimo decennio, recentemente riproposti nel decreto milleproroghe. Ma le grandi perdite nella vendita delle edizioni cartacee non possono essere spiegate attraverso una chiave di lettura solo esclusivamente economica. La travolgente invasione del web, infatti, sta mutando abitudini e strumenti personali nel reperimento delle notizie. E' in atto una vera rivoluzione nel mondo dell'informazione ed è proprio in questo contesto che diventa critica la sopravvivenza di intere testate locali e nazionali.

Manoscritti non solo…

11/05/2011

In mostra alle Scuderie del Quirinale
I capolavori della Letteratura

L’Unità delle donne Centocinquanta anni di lavoro femminile in Italia

11/05/2011

L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro ed il lavoro delle donne ha contribuito a crearla.
“Vogliano le donne felici dei tempi a venire rivolgere il pensiero alle umiliazioni delle donne che le precedettero e ricordare con gratitudine i nomi di quelle che aprirono loro la via alla non mai prima goduta, forse appena sognata felicità”
Cristina di Belgioioso

Mostre - Rebus

22/03/2011

Rebus

Rem Koolhaas

26/11/2010

Rem Koolhaas ha assunto nel 1999 l’’incarico di progettazione della biblioteca di Seattle, completata nel 2004, come uno dei più importanti della sua carriera. Si tratta di un’’evoluzione naturale degli studi per il concorso della Bibliothèque Nationale di Parigi, arricchita dalla possibilità di riflettere sul rapporto tra l’’architettura e il digitale nella città dell’’alta tecnologia, la città di Microsoft e Amazon, rispettivamente il più grande produttore di software e il più grande rivenditore di libri on-line. Nel corso degli studi preliminari gli architetti hanno visitato le grandi biblioteche informatizzate di Parigi e San Francisco, constatandone l’’incerto equilibrio tra fisico e digitale. A San Francisco, l’’entusiasmo per il presunto superamento del libro ha creato uno spazio liberato dagli scaffali ma svuotato di contenuto, dedicato a una circolazione senza senso perché priva del suo target fisico. A Parigi l’’eccesso opposto: il sistema di distribuzione meccanizzato della Très Grande Bibliothèque ha dimostrato lentezza e farraginosità.

Se le biblioteche pesano

26/11/2010

Se le biblioteche pesano non c’è mai spazio per le loro raccolte né voglia di costruire nuovi depositi e di inventare nuovi ambienti dove farle crescere.

Se le biblioteche pesano non ci sono soldi per le lampadine che tuttavia la legge vuole costose e particolari per gestire le emergenze, né per le scale per prendere i libri che la legge vuole altrettanto costose e particolari, né per le uscite di emergenza pensate per folle che non esistono, magari a leggere i libri si accalcassero centinaia di persone!, né per la rilegatura - dorsi ovunque sbrindellati - ottocento e novecento precari pressati in depositi polverosi spesso in seconda fila - né per acquistarli i libri, pochi o molti che siano, perché qualcuno potrebbe aver voglia di scoprire come eravamo chiacchieroni e confusi e pettegoli e narcisi in quest’italia di terzo millennio, o diversi e significativi nell’est e nel sud del mondo sempre in questo terzo millennio.

El universo

26/11/2010

“El universo (que otros llaman la Biblioteca) se componte de un número indefinido, y tal vez infinito, de galerías hexagonales, con vastos pozos de ventilación en el medio, cercados por barandas bajísimas.”

Da questo incipit, tratto dal racconto “La Biblioteca di Babele” di Jorge Luis Borges, si trae il primo legame tra la Rete e le Biblioteche. La Rete infatti, null’altro é che un immenso aggregato, apparentemente confuso e disordinato a meno di una più ordinata sovrastruttura fisica, di caratteri. Anzi, a voler essere precisi, di lunghe sequenze di 0 e 1, causalmente disposti, a volte sfuggenti, altre immutabili, in cui a volte pretendiamo di trovare la risposta a ogni nostro dubbio, altre volte li scorriamo distrattamente cercando di ignorare lo scorrere delle ore.